17 Giugno 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeIN PRIMO PIANOTraguardo sostenibilità per Contract District: ottenuta certificazione carbon neutral

Traguardo sostenibilità per Contract District: ottenuta certificazione carbon neutral

Un passo avanti nella sostenibilità del ciclo produttivo dell’industria dell’arredo

Contract district group ha ottenuto il certificato di carbon cancelling con l’obiettivo di compensare le emissioni CO2 generate dai servizi di progettazione, site management ed assemblaggio dei prodotti di arredo che il gruppo direttamente distribuisce. Cdp – il cui business model è riuscito ad integrare la filiera della distribuzione del design system con l’industria del real estate – risulta così la prima società di servizi di interior design a raggiungere questa certificazione, come scelta a garanzia dei propri clienti finali e degli sviluppatori istituzionali sempre più attenti a scegliere e coinvolgere fornitori con standard in ambito di sostenibilità della filiera del ciclo produttivo, dei materiali, finiture di arredo e nel flusso dei servizi necessari alla loro progettazione ed assemblaggio.

I prodotti che distribuiamo sono complessi – ha spiegato Lorenzo Pascucci, founder e ceo di Contract district group – e la loro vendita si perfeziona e completa solo attraverso un ciclo di attività molto complicate e che durano settimane o mesi prima di concludersi. Lo sforzo da parte delle industrie produttive di rendere sostenibile il ciclo di produzione dei loro arredi componibili, pensiamo debba essere garantito anche nelle fasi successive, dalla loro progettazione, alla vendita, alla verifica di compatibilità edile, fino alla finale consegna ed assemblaggio. Per questo motivo, il raggiungimento della prima certificazione carbon neutral di servizi legati alla distribuzione di home design ci rende orgogliosi, rassicurandoci a partire dal 2024 che, con il calcolo della carbon footprint della nostra organizzazione (comprensivo di report e secondo le norme Iso), anche noi, nel nostro piccolo, potremo fare la differenza per un domani meno inquinato e più sostenibile”.

Cdg aveva avviato già, da novembre 2023, il percorso verso le 3 dimensioni Esg (Environmental, social e governance). In tal senso Cdg ha redatto e pubblicato il codice etico del gruppo raccogliendo in un documento l’insieme di regole sociali e morali che sente proprie e alle quali devono far riferimento tutti i collaboratori del gruppo e tutti i suoi stakeholders (dipendenti, collaboratori, fornitori, partners…).

Cristina Giua
Cristina Giua
Cristina Giua, milanese, classe 1971, giornalista professionista dal 2012. Si è sempre occupata di giornalismo economico, con specializzazione in Finanza, Legal e Real Estate. Ha lavorato per testate come il Sole-24 Ore, Monitorimmobiliare, il Quotidiano Immobiliare. Si è occupata anche di organizzazione di eventi e di ufficio stampa & comunicazione per Fiera Milano e Fondazione ISMU (Istituto Studi sulla Multietnicità) della Regione Lombardia. Laureata in legge, con indirizzo d’impresa, presso l’Università degli Studi di Milano, ha in conseguito, in seguito, un Master in Giornalismo presso l’Università Cattolica di Milano.
ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO