22 Aprile 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeMERCATIStanze in appartamenti condivisi: l’offerta cresce del 42%

Stanze in appartamenti condivisi: l’offerta cresce del 42%

Incrementi significativi a Modena (+212%), Brescia (+143%) e Milano (+134%)

Secondo un recente rapporto pubblicato di Idealista, nell’ultimo anno, in Italia, l’offerta di appartamenti condivisi ha registrato un incremento di oltre il 40%, accompagnato da un notevole aumento dei costi per questa modalità di locazione, che sono cresciuti del 28% a una media mensile di 480 euro.

Il portale immobiliare Idealista registra in questo momento ben 70 mercati con una maggiore offerta, quattro i mercati stabili mentre altri 32 presentano un’offerta minore rispetto allo scorso anno.

I principali mercati hanno segnato quasi tutti incrementi significativi, a partire da Modena (212%), dove lo stock di camere è più che triplicato rispetto a un anno fa. Seguono Brescia e Milano su rispettivamente del 143% e del 135%. Più che raddoppiata l’offerta di stanze anche a Reggio Emilia (135%) e Parma (103%). Incrementi ben al di sopra della media nazionale del 40% anche per Padova (98%), Foggia (68%) e Messina (56%).  Altri mercati come Torino (30%), Bologna (23%), Napoli (18%) e Genova (16%) hanno mostrato aumenti più moderati ma comunque rilevanti.

Roma (-6%) è in controtendenza con Firenze (-40%), non a caso città a forte vocazione turistica dove prevale l’affitto breve. La Capitale vive un boom turistico legato al Giubileo 2025.

L’espansione dell’offerta disponibile può essere attribuita a un cambiamento nel panorama immobiliare, dove molti proprietari hanno deciso di mettere sul mercato degli affitti temporanei immobili precedentemente destinati alla locazione turistica – ci spiega  Vincenzo Tommaso, Responsabile dell’Ufficio Studi di idealistaL’aumento dei costi è in parte alimentato dalle agenzie di co-living, che offrono una gamma di servizi aggiuntivi agli inquilini, come pulizia, manutenzione e arredamento, a un prezzo superiore alla media“.

In relazione all’evoluzione dell’offerta disponibile e all’aumento dei prezzi degli affitti, i prezzi nei capoluoghi sono stati per lo più al rialzo (46 di 51 centri statisticamente rilevabili), mentre sono diminuiti solo a Forlì (-13%), Trieste (-13%), Pistoia (-6%), Rimini (-4%) e Reggio Calabria (-3%). Gli incrementi maggiori, dall’altra parte, si sono verificati a Bologna e Padova, rispettivamente con un aumento del 96% e dell’89%. Aumenti sopra la media annua del 28% anche per Brescia (75%), Monza (67%), Bergamo (61%) e Torino (41 %). Tra i grandi mercati Roma segna un aumento del 16%, Milano si ferma al 7%, Napoli al 3%.

Milano è la città più costosa per i coinquilini italiani con una media di 775 euro al mese. Seguono Bologna (680 euro), Padova (425 euro), Torino (507 euro) e Roma (500 euro). Anche Brescia, con i suoi 490 euro mensili richiesti dai proprietari per una stanza in appartamento condiviso, presenta un costo superiore alla media di 480 euro, sotto la quale troviamo, tra gli altri centri, Napoli (350 euro) mentre, nella parte più bassa del ranking, Reggio Calabria (180 euro) è il capoluogo più economico davanti a Benevento, Potenza e Viterbo che condividono un prezzo medio di 200 euro /mese.

Fernanda Rossetti

 

Fernanda Rossetti
Fernanda Rossetti
Appassionata di New Media, TV, innovazione, multicanalità. MBA, si occupa di Marketing & Content Factory in Economy Group. Ama leggere e scrivere sulle nuove frontiere dei Media e dell'Economia nazionale ed internazionale.
ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO