25 Aprile 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeINNOVAZIONENasce il progetto “Timber Forward Italia” di Green Building con Lendlease per...

Nasce il progetto “Timber Forward Italia” di Green Building con Lendlease per promuovere l’uso del legno nell’edilizia

Presentato al MIND Village il prototipo di edilizia in legno ingegnerizzato di Lendlease per gli edifici commerciali

È stato presentato negli spazi di MIND – Milano Innovation District, il progetto Timber Forward Italia promosso da Green Building Council Italia rivolto ai principali stakeholder all’interno del settore delle costruzioni in legno, al fine di facilitare la collaborazione, la condivisione delle conoscenze e il reciproco sostegno tra tutti gli attori della filiera.

l progetto, giunto alla sua seconda fase, è stato sviluppato da Green Building Council Italia in collaborazione con il Socio Lendlease – leader globale nel Real Estate e specializzato in progetti di riqualifica urbana su larga scala – e altri autorevoli partner a livello internazionale.

Green Building Council Italia è un’associazione senza scopo di lucro a cui aderiscono le imprese più competitive e le associazioni professionali italiane le più qualificate operanti nel segmento dell’edilizia sostenibile, e che fa parte del World GBC la più grande organizzazione internazionale attiva nel mercato delle costruzioni, presente in più di 70 Paesi al mondo.

La prima fase del progetto “Perception of Timber – Accelerating Change at MIND”, che si era conclusa nel febbraio 2023, ha avuto come obiettivo lo sviluppo di azioni che coinvolgessero diversi attori per superare le barriere percepite all’uso del legno nelle costruzioni. Il Milano Innovation District (MIND) di Lendlease è stato il contesto ideale per coinvolgere i principali decision-maker attivi sul territorio milanese, italiano ed europeo, in attività di co-creazione, al fine di dimostrare che le barriere possono essere superate attraverso un’azione collettiva e coordinata.

Il progetto Timber Forward rappresenta un’opportunità straordinaria, promossa convintamente dal Green Building Council Italia, insieme a Lendlease. Una conferma dell’impegno dell’Associazione a promuovere strumenti concreti e iniziative di networking. Intendiamo orientare la società e il settore delle costruzioni verso pratiche e strategie in grado di riscoprire sempre di più l’utilizzo di materiali bio-based, come il legno, per edifici inclusivi e orientati al benessere delle persone e del pianeta”, spiega Fabrizio Capaccioli, Presidente GBC Italia.

Il programma delle attività 2023 di Timber Forward Italia 

Durante quest’anno, il progetto Timber Forward Italia perseguirà i seguenti obiettivi:

  • Creazione di una piattaforma di aggregazione che riunisca i principali stakeholder competenti, così da rispondere alle necessità di scambio di conoscenze e collaborazione;
  • Riconoscimento di un ruolo attivo a tutti gli operatori della filiera;
  • Promozione della crescita delle industrie locali del legno;
  • Elaborazione di proposte condivise di disposizioni legislative e regolatorie;
  • Sostegno all’attuazione di strategie circolari relative ai materiali bio-based.

Attraverso eventi, conferenze e iniziative di vario livello, il progetto ha lo scopo di sensibilizzare le aziende private, i professionisti del settore, i decisori pubblici creando una cultura del legno. Questa maggiore visibilità consentirà di attrarre investimenti e talenti verso il settore delle costruzioni in legno, favorendone ulteriormente la crescita e l’innovazione.

Timber Forward Italia mira a guidare una trasformazione positiva nel settore delle costruzioni a differenti livelli territoriali, definendo un contesto autorevole di soggetti, buone pratiche, linee guida, standard e normative – a cui il mercato potrà far riferimento per individuare approcci e strategie innovative utili ad accelerare la transizione ecologica e a promuovere l’edilizia in legno come soluzione sostenibile e praticabile per il raggiungimento degli impegni assunti anche dall’Italia a livello internazionale.

Per supportare la diffusione del legno e accelerarne l’adozione, il progetto punta alla creazione di un network che riunisca i principali soggetti interessati – sviluppatori, progettisti, proprietari di immobili, investitori, assicuratori ed amministrazioni locali – per facilitare collaborazioni sinergiche e condivisione delle conoscenze e dell’innovazione, favorendo la crescita del mercato delle costruzioni in legno e migliorando l’impatto sul clima dell’intero settore del costruito.

 Il network prevedere il coinvolgimento attivo anche delle amministrazioni locali per favorire, anche attraverso politiche e incentivi mirati, l’utilizzo del legno nei progetti pubblici.

Timber Forward Italia iniziativa sinergica all’azione di Built by Nature

L’iniziativa si inserisce all’interno dell’azione definita da Built by Nature, un network e un fondo istituito per sovvenzionare azioni dedicate ad accelerare l’adozione di materiali bio-based, ed in particolare del legno, nel settore delle costruzioni a livello europeo.

Negli ultimi anni, il settore edile ha assistito a un crescente interesse per le costruzioni in legno massiccio, anche grazie ai numerosi vantaggi di cui si fanno portatori in termini di sostenibilità, efficienza ed estetica. Le costruzioni in legno, infatti, si dimostrano come una soluzione efficiente e praticabile per rispondere all’urgenza di ridurre le emissioni di carbonio e mitigare i cambiamenti climatici. Tuttavia, come evidenziato nel rapporto finale dell’ iniziativa “Perception of Timber – Accelerating Change at MIND” conclusa a febbraio 2023, esistono una serie di barriere diffuse lungo l’intera filiera, sia dal lato della domanda che dell’offerta, che genera una situazione di stallo rispetto alla compiuta e ampia applicazione delle soluzioni edilizie a base legno.

“L’iniziativa di Build by Nature e GBC Italia “Timber Forward Italia” è pienamente in linea con l’impegno dell’industria delle costruzioni verso l’innovazione e la riduzione delle emissioni di scopo 3″ ha commentato Nadia Boschi, Head of Sustainability Italy & Continental Europe di Lendlease, aggiungendo “Il percorso di Lendlease verso il Net Zero – senza compensazioni – entro il 2040 richiede un cambiamento del settore verso un futuro a basse emissioni”

La roadmap per la decarbonizzazione

Il progetto Timber Forward Italia si inserisce nella più ampia azione della Roadmap per la decarbonizzazione dell’ambiente costruito entro il 2050, la cui edizione del nostro paese è stata curata da Green Building Council Italia, sostenendo l’attuazione di strategie di circolarità legate all’impiego di materiali bio-based, tra cui il legno.

Il network, infatti, oltre che fungere da piattaforma per mostrare le storie di successo e i benefici ambientali delle costruzioni in legno, si pone l’obiettivo di fornire al mercato linee guida in merito all’utilizzo del legno in edilizia, in ottica di sostenibilità e circolarità, con il supporto di evidenze scientifiche e dati risultanti dei monitoraggi sul campo.

Il prototipo MIND TIMBER

Al termine dell’evento di lancio del nuovo network gli ospiti hanno visitato il prototipo in legno di MIND, un modulo strutturale tipico per edifici commerciali ad altezza elevata, che vuole far percepire l’effetto finale delle future strutture in legno ingegnerizzato.

Il prototipo è stato progettato adottando un approccio di Digital Twin, convertendo il modello tridimensionale dell’edificio in un modello di produzione avanzato con tutti i dettagli e i dati necessari per la produzione. Assemblato sotto la supervisione di Lendlease in collaborazione con Woodbeton, funge da terreno comune per lavorare insieme e collaborare sulle barriere legate all’adozione del legno in ambito assicurativo, normativo e tecnologico.

Per maggiori approfondimenti sulla Fase I del progetto, si rimanda al “Perception of Timber Report”  https://builtbn.org/knowledge/perception-of-timber-report/325

Fernanda Rossetti

 

 

Fernanda Rossetti
Fernanda Rossetti
Appassionata di New Media, TV, innovazione, multicanalità. MBA, si occupa di Marketing & Content Factory in Economy Group. Ama leggere e scrivere sulle nuove frontiere dei Media e dell'Economia nazionale ed internazionale.
ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO