26 Maggio 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeIN PRIMO PIANOMilano, L'energia green entra nell'ex dazio di Porta Ticinese

Milano, L’energia green entra nell’ex dazio di Porta Ticinese

L'antica sede della dogana sulla Darsena sarà restaurata da Enel e trasformata in uno spazio dedicato a riuso e sostenibilità. Gara pubblica anche per il dazio est e i due caselli di Porta Vittoria in Piazza Cinque Giornate

Da sede del dazio a spazio per promuovere l’energia pulita. È la trasformazione che attende uno degli ex caselli di Porta Ticinese, sul lato Ovest di piazza 24 Maggio, a Milano. L’edificio, di proprietà del Comune di Milano, sarà oggetto di opere di restauro, impiantistiche e di messa in sicurezza e utilizzato per aprire al pubblico uno spazio dedicato a servizi e buone prassi in tema di transizione energetica, riuso e sostenibilità. Il progetto sarà realizzato da Enel, che ha vinto il bando del Comune per la concessione in uso dell’edificio storico, per valorizzare l’antica sede della dogana sulla Darsena.

Gara pubblica anche per i caselli di Porta Vittoria

Come riferisce l’Agenzia Nova, è stata invece da poco pubblicata la gara pubblica per l’ex dazio est di Porta Ticinese e per i due antichi caselli di Porta Vittoria, in piazza Cinque Giornate. Il bando per individuare i nuovi concessionari dei tre edifici neoclassici, tutti di interesse storico artistico e in buono stato conservativo, si è chiuso ieri. Gli spazi sono destinati ad attività espositive, commerciali e di ufficio ma per l’aggiudicazione peseranno, oltre che la qualità e il valore estetico del progetto, le attività e le funzioni aggiuntive di tipo aggregativo o culturale proposte. “I caselli sono beni comuni che hanno perso la loro funzione originaria ma che oggi possono trovarne una diversa. Obiettivo dei bandi – afferma l’assessore al Bilancio e Patrimonio, Emmanuel Conte – è la loro valorizzazione e restituzione alla città, non solo in termini economici ma anche in termini di servizi pubblici, funzioni sociali e culturali, per rispondere alle sempre nuove e diverse esigenze di Milano. Lo strumento della gara pubblica, obbligatorio per legge, serve a tutelare i principi di trasparenza e imparzialità dell’azione amministrativa e l’interesse pubblico. Inoltre, grazie ai criteri previsti per l’aggiudicazione, si può restituire nuova vita e attualità a luoghi storici e simbolici”. La durata della concessione per tutti e tre gli ex caselli è di dodici anni e il canone annuo a base d’asta è di 41.618 euro per ciascuno dei caselli da 140 metri quadri in piazza Cinque Giornate e di 44.987 euro per quello da 335metri quadri in Porta Ticinese.

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO