23 Aprile 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeFINANZAMalik (Nuveen), “Il mattone è un elemento essenziale di un portafoglio multi-asset”

Malik (Nuveen), “Il mattone è un elemento essenziale di un portafoglio multi-asset”

Il raffreddamento del mercato immobiliare statunitense nel mese di agosto potrebbe segnare la fine del ciclo di rialzi della Fed e rivelarsi vantaggioso per gli investimenti nel comparto commerciale

Con i titoli dei giornali dominati dalla Fed, diversi dati relativi al settore immobiliare sono passati inosservati all’attenzione dei mercati. Questi hanno segnalato un notevole raffreddamento del mercato immobiliare statunitense: ad agosto la costruzione di nuove abitazioni è scesa di oltre l’11%, raggiungendo il livello più basso dal giugno 2020, in gran parte a causa di un calo del 26% dei lavori su abitazioni multi-unità. Allo stesso tempo, gli aumenti degli affitti degli appartamenti hanno subito un rallentamento, con l’indice di Zillow sugli affitti su base annua che mostra una crescita di appena il 3,25%, in calo rispetto al quasi 8% di inizio 2023. Come spiega Saira Malik, CIO di Nuveen, con una domanda in calo e una moderazione della crescita dei prezzi degli affitti secondo i dati in tempo reale, è logico aspettarsi un’ulteriore diminuzione degli affitti figurativi, una componente dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) che attualmente rappresenta il 65% dell’aumento del CPI su base annua ed è riportata con un ritardo di circa dodici mesi. Se ciò dovesse accadere, potremo assistere alla fine dell’attuale ciclo di rialzo dei tassi della Fed, e questo potrebbe rivelarsi estremamente vantaggioso per gli investimenti immobiliari commerciali.

Considerazioni di portafoglio

 

Secondo Malik, un’allocazione immobiliare rimane essenziale in un portafoglio multi-asset. La scelta tra l’esposizione all’immobiliare attraverso asset pubblici o privati dipende dal ruolo specifico che l’allocazione è destinata a svolgere. Guardando al passato, i fondi comuni di investimento immobiliare (REIT) quotati in Borsa tendono a sovraperformare quando i mercati azionari sono in rialzo, ma con anche la tendenza a presentare una volatilità relativa più elevata rispetto all’indice S&P 500. Inoltre, le azioni di un REIT hanno un valore superiore a quello dell’indice di riferimento e il prezzo delle azioni di un REIT può essere scambiato con premi o sconti significativi rispetto al suo valore patrimoniale netto (NAV). Per esempio, i REIT quotati attualmente scambiano con uno sconto del -13% rispetto al NAV, a fronte di uno sconto medio di lungo periodo del -1%. Inoltre, sebbene i REIT siano storicamente rimasti indietro rispetto ai mercati azionari durante i cicli di rialzo dei tassi delle Banche centrali, hanno anche mostrato una relativa sovraperformance quando la visibilità sulla fine dei cicli è migliorata (come è accaduto nel 2006 e nel 2018). Tali periodi coincidono tipicamente con un rallentamento economico diffuso, quando i flussi di cassa a più lunga durata dei REIT trovano maggiore favore nel mercato.

Largo all’immobiliare privato

 

L’immobiliare privato offre il potenziale per ottenere rendimenti interessanti e al tempo stesso diversificazione e rendimenti non correlati nei periodi di turbolenza del mercato, come abbiamo visto durante la recessione indotta dalla crisi di Covid e il mercato azionario. A differenza degli immobili pubblici, che sono negoziati in Borsa e i cui prezzi fluttuano quotidianamente, i valori degli immobili privati sono determinati esclusivamente dalle transazioni immobiliari osservate e reali. Di conseguenza, l’immobiliare privato è tipicamente meno volatile della sua controparte pubblica e tende a essere meno correlato ai titoli azionari quotati. Come spiega Malik, attualmente ci sono interessanti opportunità di investimento nel settore immobiliare commerciale sia pubblico che privato. Il settore dei casinò, una categoria di REIT pubblici relativamente nuova, offre flussi di cassa e crescita di dividendi superiori alla media. Dal 2019, questo settore ha generato una crescita dei canoni di locazione e dei dividendi quasi del 10%, che riflette l’aumento annuale degli affitti nella maggior parte dei contratti di locazione. Anche il consolidamento all’interno dell’industria di riferimento è stato un elemento di traino, con una crescita esterna guidata da accordi di vendita e retrolocazione con gli operatori. Il settore ha inoltre beneficiato di un’offerta limitata, date le restrizioni normative sul numero di licenze per i casinò e i notevoli requisiti di capitale per le costruzioni. “Siamo costruttivi anche sul settore degli immobili industriali, sia pubblici che privati. Il settore è ancora sostenuto favorevolmente dall’e-commerce, che dovrebbe sostenere le sedi logistiche urbane nelle aree metropolitane in crescita della costa meridionale e occidentale. Inoltre, la diversificazione della catena di approvvigionamento e le tendenze alla delocalizzazione dovrebbero incrementare la domanda di spazi nei porti della costa orientale e nei mercati di confine tra Stati Uniti e Messico”, conclude Malik.

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO