26 Maggio 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeIN PRIMO PIANOL’inverno mette il freno alla crescita del mattone

L’inverno mette il freno alla crescita del mattone

Secondo un’analisi di Abitare Co. sul mercato immobiliare residenziale, le compravendite sono aumentate del 4,8% nel 2022. Ma il quarto trimestre ha segnato un’inversione di tendenza: in calo Bologna (-12,6%), Roma (-6,1%) e Milano (-4,6%). In territorio positivo Palermo, che cresce del 9,2 per cento

Dopo l’aumento (+1,6%) del terzo trimestre 2022, l’attesa inversione di tendenza è arrivata nel quarto trimestre. Infatti, a livello nazionale il mercato immobiliare residenziale ha invertito il segno e ha registrato una contrazione del 2,1% rispetto allo stesso trimestre del 2021, con 208.371 transazioni. Se si considera tutto il 2022, resta comunque il segno positivo, con 784.486 compravendite di abitazioni, in crescita del +4,8% rispetto al 2021. Secondo l’analisi di Abitare Co, società di intermediazione e servizi immobiliari, sulla base dei dati dell’Osservatorio sul Mercato Immobiliare (OMI) dell’Agenzia delle Entrate, nel quarto trimestre a soffrire maggiormente sono i comuni minori i (-2,6%) rispetto ai capoluoghi (-0,9%). A livello territoriale, l’unico incremento si registra nelle Isole (+5,1%) mentre l’andamento è sostanzialmente stabile al Sud (-0,2%). Le compravendite calano invece in tutte le altre aree: a Nord-Est -5,1%, al Centro -3,8%, a Nord Ovest -1,8 per cento.

Record negativo a Bologna nell’ultimo trimestre

Che cosa accade nelle principali città italiane? Anche a livello territoriale nel quarto trimestre 2022 in molti capoluoghi si è registrata un’inversione di tendenza. Il calo maggiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si è verificato a Bologna (1.650 transazioni, -12,6%), seguita da Roma (10.305 transazioni, -6,1%) e Milano (7.180 transazioni, -4,6%). Stabile Genova (2.328 transazioni, -0,1%). La città più vivace si conferma Palermo (1.777 transazioni, +9,2%). Le compravendite sono cresciute, seppur in modo più contenuto, anche a Torino (4.348 transazioni, +1,3%), Napoli (2.205 transazioni, +0,6%) e Firenze (1.432 transazioni, +1,9%).

Milano cresce di oltre il 6 per cento nel 2022

Come accaduto a livello nazionale, se si considera tutto il 2022 le variazioni percentuali sono tutte positive rispetto al 2021 in tutte le città, ma con valori differenti. Nell’ordine troviamo: Palermo (+11,3%) con 6.785 compravendite, Milano (+6,1%) e 28.595 compravendite, Torino (+5,9%) e 16.125 transazioni, Bologna (+3,4%) e 6.787 transazioni, Genova e Roma (entrambe +3%) e rispettivamente 9.182 e 40.064 transazioni, Napoli (+2,6%) e 8.314 transazioni e infine Firenze (+2,1%) con 5.551 compravendite.

Il peso dei mutui sul quarto trimestre

“Come previsto, il 2022, nonostante tutte le turbolenze in essere, si è chiuso positivamente per il mercato immobiliare residenziale italiano, con compravendite in crescita e prezzi ancora in aumento – dichiara Alessandro Ghisolfi, responsabile del Centro studi di Abitare Co. – Il mercato si è dimostrato però in fase di rallentamento sul fronte degli acquisti a causa principalmente della crescita dei tassi di interesse sui mutui. Infatti, gli ultimi due trimestri dell’anno scorso hanno mostrato una inversione di ciclo che si andrà a confermare molto probabilmente anche nei primi tre mesi di quest’anno”. “Le grandi città hanno tutte chiuso il 2022 con un aumento degli scambi. Milano, con quasi 29mila abitazioni vendute, si è confermata la seconda metropoli più vivace, preceduta solo dal record di Palermo, unica a registrare una crescita a due cifre. Roma ha invece sfondato la barriera delle 40mila case vendute”, conclude Ghisolfi.

 

Grandi città Compravendite IV Trim. 2022 Var. % IV Trim. 22/IV Trim. 21 Compravendite 2022 Var. %  2022/2021
GENOVA 2.328 -0,1% 9.182 3,0%
MILANO 7.180 -4,6% 28.595 6,1%
TORINO 4.348 1,3%  16.125 5,9%
BOLOGNA 1.650 -12,6% 6.787 3,4%
ROMA 10.305 -6,1%  40.064 3,0%
FIRENZE 1.432 1,9% 5.551 2,1%
NAPOLI 2.205 0,6% 8.314 2,6%
PALERMO 1.777 9,2% 6.785 11,3%
ITALIA 208.371 -2,1% 784.486 4,8%

 

Fonte: Elaborazione Abitare su dati Oss. Mercato Immobiliare – Agenzia delle Entrate

 

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO