17 Giugno 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeFINANZADi Bartolo (G Rent), “Il futuro del proptech è nelle grandi città”

Di Bartolo (G Rent), “Il futuro del proptech è nelle grandi città”

L’ad delinea il futuro della sua azienda. Che punta a un portafoglio di appartamenti in built to rent, gestito con un processo interamente digitalizzato, di almeno 400 unità entro il 2026

“Nel prossimo futuro, il mercato immobiliare vedrà nascere e consolidarsi una nuova tendenza all’interno del segmento proptech, incentrata sul principio della casa come servizio, dove l’accesso è più importante del possesso. È su questo aspetto che stiamo focalizzando sempre più il modello di business di G Rent, ponendoci l’obiettivo di puntare a un portafoglio di appartamenti in built to rent gestito con un processo interamente digitalizzato di almeno 400 unità entro il 2026″. Così ha spiegato Emiliano Di Bartolo, managing director di Santandrea Luxury Houses & Top Properties, società del Gruppo Gabetti specializzata nella gestione degli affitti a breve nei segmenti corporate e lusso, e amministratore delegato di G Rent S.p.A., proptech company attiva nel settore dell’hospitality di immobili di lusso e di building dedicate a clientela corporate, quotata sul mercato EGM (Euronext Growth Milan), partecipando alla Call Tech Action Milano. L’iniziativa, organizzata da ICE SDA Bocconi, AssoFintech, Italian Proptech Network, Osservatorio Fintech e Insurtech del Politecnico di MilanoItalian Insurtech Association – IIA e patrocinata dal Comune di Milano, rientra nell’European FS Tech Hub, progetto focalizzato sull’impatto dell’implementazione delle nuove tecnologie nell’ambito dei settori finanziari, di cui Di Bartolo è membro dell’advisory board, lanciato in occasione del primo incontro di Milano.

Tutti i processi sono paper free

 

Nel corso dell’incontro inaugurale del progetto a Milano, focalizzata sul potere trasformativo dell’inizio unito alla tecnologia, alle nuove generazioni e l’apertura al futuro, all’innovazione e all’imprenditorialità aziendale nei settori fintech e insurtech, Di Bartolo ha avuto modo di illustrare la visione di G Rent relativamente al segmento proptech nei prossimi 3-5 anni: L’informatizzazione e l’uso delle nuove tecnologie permetterà di automatizzare completamente tutti i processi dell’abitare, a partire dalla selezione della casa nelle nostre building, alla sua personalizzazione, fino al contratto di affitto e al check in/check out. Tutti i processi paper free saranno completamente digitalizzati e permetteranno all’utente di prendere possesso dell’abitazione anche con contratti a medio lungo periodo, esclusivamente con un processo di registrazione online e una carta di credito”.

Una formula per i giovani che vivono nelle grandi città

 

“Siamo di fronte a un passaggio importante nel percorso di evoluzione del settore – ha concluso Di Bartolo – che vedrà le nuove generazioni orientarsi verso un nuovo modo di concepire l’abitazione, soprattutto in città come Milano e Roma dove i prezzi degli appartamenti hanno avuto negli ultimi anni un’importante crescita. Proprio l’impennata del costo delle case, che siamo convinti non si fermerà nel futuro che ci attende, spingerà i giovani ad abitare in building completamente digitalizzati e vissuti come il loro ambiente ideale. Alla base del trend, chiaramente, vediamo un processo di ricerca dell’abitazione che prevede una completa disintermediazione e una forte semplificazione, rispetto a quanto avviene normalmente oggi”.

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO