23 Luglio 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeSOSTENIBILITÀBoom di “healthy buildings” nelle città Italiane: +100% in cinque anni

Boom di “healthy buildings” nelle città Italiane: +100% in cinque anni

Sono 10 le tecnologie che rendono gli edifici più green e salubri

di Fernanda Rossetti

Il settore immobiliare italiano sta vivendo una rivoluzione green, con un’impennata del 100% negli ultimi cinque anni per quanto riguarda la costruzione di “healthy buildings”. Questo trend è parte di un movimento globale noto come “wellness real estate”, che integra elementi di benessere nel design, nei materiali e nelle tecniche di costruzione. Secondo un recente report del Global Wellness Institute, il valore di questo mercato raddoppierà entro il 2028, superando i 900 miliardi di dollari.
Il mercato globale del “wellness real estate” è in forte espansione. L’Europa, con un tasso di crescita annuale del 20,1%, è seconda solo all’America Latina e ai Caraibi. L’Italia, con un valore di mercato pari a 2,58 miliardi di dollari nel 2023, figura nella top 15 dei paesi leader, registrando una crescita annua media del 19%, superiore alla media globale del 18,1%.
Le 10 tecnologie più innovative per edifici green e salubri
Oggi non basta più vivere in un luogo “green”. Cresce infatti rapidamente, a livello globale, la domanda di immobili, residenziali e commerciali, che incorporino il fattore benessere nel design, nelle tecnologie e nei materiali di costruzione. Fra questi, molti sono materiali “smart” cioè intelligenti, che reagiscono con i cambiamenti dell’ambiente circostante modificando una o più delle loro proprietà.
Gli esperti di REair hanno identificato le 10 tecnologie più promettenti nel settore degli “healthy buildings”. Ecco una panoramica:
1. Fotocatalisi: coatings fotocatalitici e purificatori d’aria intelligenti
2. Superfici fredde e riflettenti luce e calore (cool materials)
3. Manufatti prefabbricati modulari e sostituibili
4. Digital technologies e modellazione BIM (Building Information Modeling)
5. Materiali da costruzione sostenibili e non tossici, contenenti materiali riciclati (vetro, legno, plastica)
6. Sistemi di illuminazione circadiana (illuminazione LED che imita il ciclo naturale della luce solare)
7. Sensori ambientali e sistemi IoT per monitorare la qualità dell’aria, le condizioni ambientali e per la gestione automatizzata degli edifici (BMS)
8. Pannelli solari e tecnologie per l’efficienza energetica, con utilizzo di energie rinnovabili e sistemi di accumulo energetico.
9. Design biofilico, con incorporazione di elementi naturali, come pareti verdi, tetti verdi e spazi aperti.
10. Materiali e tecnologie per l’isolamento acustico ed il controllo intelligente del rumore.

L’Importanza della sostenibilità e degli healthy building

Le principali statistiche a livello europeo indicano che gli edifici sono ancora i maggiori consumatori di energia e fonti di emissioni di gas serra. La Commissione Europea evidenzia che gli edifici contribuiscono al 40% del consumo energetico e al 36% delle emissioni di gas serra nell’UE. Per affrontare questa sfida, è cruciale abbracciare tecnologie sostenibili esistenti, come sottolinea Raffaella Moro, CEO di REair: “Diventa prioritario affiancare alla transizione energetica l’utilizzo di tecnologie innovative e validate scientificamente per ridurre gli inquinanti.”
La maggiore enfasi che viene posta sulla salute e sul benessere degli inquilini accresce la necessità di costruire dei veri e propri “healthy buildings”, i quali offrono riduzioni dei costi operativi e di manutenzione a lungo termine attraverso l’efficienza energetica e le risorse impiegate nella costruzione. Ma cosa sono questi speciali edifici? L’Healthy Buildings Barometer 2024 redatto dal BPIE – Buildings Performance Institute Europe li definisce come immobili in grado di enfatizzare la salute e il benessere degli inquilini, migliorando la sostenibilità e consentendo la trasformazione attraverso empowerment e resilienza. Affinché il settore possa continuare a fare progressi rispetto agli obiettivi ESG, occorre abbracciare le nuove innovazioni e tecnologie: dai sistemi di illuminazione circadiana che grazie ai LED imitano il ciclo naturale della luce solare fino ai sensori ambientali e sistemi IoT per monitorare la qualità dell’aria, le condizioni ambientali e per la gestione automatizzata degli edifici (BMS). E ancora il design biofilico con incorporazione di elementi naturali, come pareti verdi, tetti verdi e spazi aperti oltre ai materiali chiari e freddi (cool materials) in grado di ridurre drasticamente le temperature degli edifici e delle pavimentazioni, quest’ultime nella versione fotocatalitica sono anche in grado di abbattere, in prossimità, fino al 40% l’inquinamento da traffico.
L’edilizia sostenibile sta appunto diventando sempre più popolare poiché ingegneri e architetti progettano e costruiscono strutture più ecologiche per soddisfare la domanda di un pubblico sempre più attento all’ambiente. Di conseguenza, come svelato dal portale specializzato Building Renewable, gli edifici sostenibili stanno spuntando in tutto il mondo, contribuendo a ridurre l’impronta ambientale del settore edile. Dalla Shanghai Tower che con i suoi 128 piani e 632 metri di altezza è l’edificio certificato LEED Platinum più alto del Pianeta, fino alle facciate in ceramica termoriflettente del grattacielo sede centrale della Bank of America a New York. E ancora i 575 pannelli solari installati sul tetto del Bullitt Center di Seattle e lo stabilimento produttivo SEAT di Martorell, vicino a Barcellona, che con i suoi 53mila pannelli solari installati sul tetto rappresenta il più grande inventario di pannelli solari nel settore automotive. Fino all’Olympic House di Losanna che vanta la certificazione LEED v4 Platinum per l’uso efficace delle risorse e le misure di risparmio energetico con oltre il 95% dei materiali utilizzati per la costruzione che sono stati riciclati per preservare le risorse naturali. In Italia invece l’innovativa tecnologia eCoating di REair è stata impiegata sulle facciate di edifici quali i palazzi Luxottica e Monte Rosa 91 a Milano e, per il medical indoor, all’interno degli aeroporti di Venezia e Treviso e presso diverse strutture ospedaliere fra le quali gli ambulatori di Chirurgia pediatrica del Policlinico di Milano.

La fotocatalisi e l’innovazione di REair

Una delle tecnologie più rivoluzionarie è la fotocatalisi, alla base dell’innovativa tecnologia Made in Italy eCoating brevettata da REair leader nel mercato cleantech che è stata recentemente presentata nella tappa di San Francisco della Smau. Questa startup milanese ha creato rivestimenti nanotecnologici, ecologici e 100% green che, attivati dalla luce, decompongono batteri, virus funghi, Composti Organici Volatili (VOC), ossidi di azoto (NOx), polveri PM organiche e altri agenti patogeni nocivi, riducendo anche il costo di manutenzione delle facciate degli edifici del 50%.
. “Grazie alla nostra innovazione sarà possibile diffondere la salubrità dell’aria ed il benessere delle persone sia all’interno che all’esterno degli edifici mediante l’adozione di una tecnologia basata sulla visione delle città come “foreste invisibili” – spiega il Prof. Angelo Del Favero, Consigliere Delegato per la Ricerca e Sviluppo di REair – Vogliamo promuovere delle contaminazioni mediante la nascita di isole fotocatalitiche in grado di trasformare le città in ecosistemi viventi e sostenibili e per farlo occorre rendere democratica la sostenibilità mediante l’adozione di applicazioni, attive dal centro alle periferie urbane, in grado di tenere insieme le tre dimensioni di salute, ambiente e uguaglianza sociale.”
Per cambiare davvero le cose, secondo gli esperti, non basta semplicemente investire risorse nelle politiche europee a favore della transizione energetica ma serve sfruttare il supporto concreto derivante dalle tecnologie sostenibili già esistenti: “Da solo l’impegno, strategico e finanziario, dell’UE e dei singoli Stati membri a favore di politiche green a medio lungo termine per riuscire a garantire una corretta transizione ecologica anche all’interno del settore europeo delle costruzioni non basta più – precisa Raffaella Moro, CEO di REair –. Considerati gli elevati livelli di inquinamento che colpiscono il continente europeo diventa prioritario e non più rinviabile affiancare alla transizione energetica l’utilizzo delle tecnologie innovative e scientificamente validate nell’efficacia che incidano direttamente sulla riduzione degli inquinanti. In questo senso, la facilità applicativa, la prolungata efficacia e il basso consumo energetico garantito dall’impiego della tecnologia eCoating REair – conclude Raffaella Moro – consente di agire immediatamente e su larga scala nella riduzione dell’inquinamento esistente”.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO