25 Giugno 2024
Edilizia, Costruzioni & Real Estate: banner 728x90
HomeDESIGNBluestone, Residenze Grazioli59 ai nastri di partenza

Bluestone, Residenze Grazioli59 ai nastri di partenza

Parte del progetto immobiliare nel quartiere Dergano, a Milano, è stata finanziata in crowdfunding con 2 milioni raccolti da Concrete Investing. Per i primi venti acquirenti uno sconto del 5% sul prezzo di acquisto

Bluestone avvia la commercializzazione di GRAZIOLI59, il nuovo sviluppo residenziale in via Privata Don Bartolomeo Grazioli 59 a Milano, che porta la firma dello Studio Barbieri & Negri. Il progetto, che vede Bluestone coinvolta in qualità di development manager, prevede la realizzazione di due corpi sovrapposti: un fronte di sei piani su via Grazioli e un edificio più alto, di dieci piani, affacciato a sud, per un totale di 49 appartamenti in classe energetica A di diverse metrature e ottimizzati negli spazi. Le residenze di GRAZIOLI59 saranno tutte dotate di ampie logge dalle cromie contemporanee che ospiteranno giardini pensili privati con fiori, orti e piccole alberature, svolgendo contemporaneamente un ruolo estetico e di controllo dell’esposizione al sole, oltre che del microclima degli stessi appartamenti. L’edificio sarà immerso in un giardino condominiale che ospiterà alberi ad alto fusto e diverse specie di piante e fiori.

I lavori partiranno dopo l’estate

 

GRAZIOLI59 sorgerà in zona Dergano, a nord del capoluogo lombardo e in prossimità dei quartieri Bovisa e Affori, tre zone in cui tradizione milanese e grande rigenerazione urbana convivono in maniera armonica. L’area, completa di servizi e ben collegata con il centro cittadino, è diventata un centro attrattivo per chi desidera vivere in un contesto storico a misura d’uomo e, al contempo, ricco d’innovazione e di contaminazioni artistiche e culturali: accoglie infatti diversi studi di design e gallerie d’arte e gli eventi del Fuorisalone, ed è ricca di aree verdi come parchi e giardini di quartiere, oltre ad ospitare la grande oasi naturale del Parco Nord di Milano. Inoltre, la presenza del Politecnico di Milano ha favorito negli ultimi anni il ricambio generazionale, popolando la zona di studenti e professionisti provenienti da tutto il mondo. Lo scorso giugno Grazioli 59 è stata oggetto di una campagna di equity crowdfunding immobiliare finanziata tramite la piattaforma Concrete Investing, a cui hanno aderito circa 150 investitori tra retail e professionali per un totale di 2 milioni di euro di raccolta. I lavori partiranno dopo l’estate 2024 e avranno una durata di circa 24 mesi. Ai primi venti acquirenti, inoltre, Bluestone ha riservato una scontistica del 5% sul prezzo di acquisto, valida fino al 15 febbraio 2024.

Una soluzione immobiliare sostenibile

 

«GRAZIOLI59 è un’iniziativa immobiliare che risponde perfettamente all’attuale richiesta di mercato, orientata verso soluzioni immobiliari sostenibili in quartieri immersi nel verde e ricchi di servizi nelle adiacenze, oltre che ben collegate al centro città con il trasporto pubblico e le piste ciclabili», ha commentato Andrea Bezziccheri, Presidente di Bluestone, che ha aggiunto: «Continuiamo a promuovere progetti immobiliari di valore per offrire ai nostri clienti un’offerta di residenze di alta qualità e in linea con le mutate esigenze dei milanesi e non solo». Lo studio di architettura e design Barbieri e Negri ha affermato: «L’edificio intende semplificare la complessità del tessuto edilizio più prossimo attraverso la realizzazione di un manufatto ordinato che si affida all’articolazione di volumi semplici e chiaramente definiti. La progettazione architettonica ha utilizzato materiali, colori e campiture cromatiche e volumetriche che smaterializzano l’edificio amplificando la qualità di un oggetto che risulta composto da elementi monumentali ma semplici, che si incastrano e si compenetrano. Il disegno degli appartamenti ha inteso ottimizzare l’organizzazione e la distribuzione degli spazi privati privilegiando lo sviluppo di ambienti esterni come terrazze, logge e balconi che moltiplicano gli spazi abitabili, garantendo la possibilità di sviluppare il verde privato ed amplificando la vivibilità degli alloggi».

 

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO